Titolo
Contenuto
Data rif. dal
Data rif. al
Doc
PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONEPIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE. PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRAPARENZA E L’INTEGRITA’. CODICE DI COMPORTAMENTO. 2017 2019
  • piano
Scheda per la predisposizione della relazione annuale del responsabile per la prevenzione della corruzione e della trasparenzaScheda per la predisposizione della relazione annuale del responsabile per la prevenzione della corruzione e della trasparenza01/01/201731/12/2017
  • scheda.xls
Altri contenuti

ACCESSO CIVICO [Art. 5 D. lgs 33/2013]:

All’ obbligo di pubblicazione  corrisponde il diritto di chiunque di chiedere documenti, dati e informazioni di cui sia stata omessa la pubblicazione.

La richiesta di ACCESSO CIVICO :

  • può essere fatta da CHIUNQUE,
  • non ha bisogno di MOTIVAZIONE,
  • è GRATUITA,
  • va indirizzata al responsabile per la trasparenza che si deve pronunciare entro 30 giorni
    • pubblicando i dati, le informazioni e i documenti richiesti provvedendo contestualmente a comunicare i dati medesimi al richiedente, oppure comunicandogli l’avvenuta pubblicazione con l’indicazione del collegamento ipertestuale a quanto richiesto;
    • se i dati, le informazioni o i documenti richiesti risultassero già pubblicati nel rispetto della normativa vigente, l’amministrazione deve indicare al richiedente il relativo collegamento ipertestuale.

    Il responsabile per la trasparenza è il Segretario Generale Dott.ssa  Giuliana Grasso e l'istanza di accesso può essere presentata:

  • direttamente al protocollo generale del Comune presso l' Ufficio Protocollo
  • per posta certificata  sottoscritta con firma digitale oppure con firma autografa acquisita con scansione per immagini e allegata copia del documento di identità in formato pdf;
  • per posta ordinaria sottoscritta in originale con allegata copia del documento di identità

 

 Modulo Istanza accesso civico 

Piano di prevenzione della corruzione

Nomina del Responsabile della Trasparenza

Relazione Anticorrruzione

RPC scheda Squinzano.xls

Misure anticorruzione

Considerazioni generali

RPC scheda Squinzano  2015

Deliberazione G.C. n. 153-2015

Allegato deliberazione n. 153

DIRETTIVA IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO ED ISTITUTI CONNESSI.

fac-simile di dichiarazione sottoscritta da ogni singolo dipendente sotto propria personale responsabilità di avere preso conoscenza delle disposizioni contenute nel Codice di comportamento dei dipendenti del Comune di Squinzano, approvato con deliberazione della G.C. n. 136 del 31/12/2013 e nel piano della Trasparenza e della prevenzione della Corruzione. approvati con deliberazione G.C. n. 13 del 30/01/2015 e di ......ecc...

fac-simile sottoscritto

Scheda relazione RPC

Scheda xls - anticorruzione

ANTICORRUZIONE

La Legge 190/2012, recante disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione, pubblicata sulla G.U. il 13 novembre 2012 entrata in vigore dal 28 novembre 2012, dispone obblighi di pubblicità sui siti web istituzionali.

Entro il 15 dicembre di ogni anno, ai sensi dell'art. 14, il Responsabile della prevenzione della corruzione, negli enti locali di norma il segretario (c. 7), dovrà pubblicare, nel sito web dell'amministrazione, una relazione recante i risultati dell'attività svolta e dovrà trasmetterla all'organo di indirizzo politico dell'amministrazione.
Inoltre, al successivo comma 15, si prescrive che, al fine di assicurare i livelli essenziali di trasparenza dell'attività amministrativa, dovranno essere pubblicati nei siti web istituzionali delle amministrazioni pubbliche i relativi bilanci e conti consuntivi, nonché i costi unitari di realizzazione delle opere pubbliche e di produzione dei servizi erogati ai cittadini.

In particolare, le stesse PA dovranno assicurare tali livelli essenziali di trasparenza in riferimento ai procedimenti di:

  1. autorizzazione o concessione;
  2. scelta del contraente per l'affidamento di lavori, forniture e servizi, anche con riferimento alla modalità di selezione prescelta ai sensi del codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006, n.163;
  3. concessione ed erogazione di sovvenzioni, contributi, sussidi, ausili finanziari, nonché attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati;
  4. concorsi e prove selettive per l'assunzione del personale e progressioni di carriera di cui all'articolo 24 del citato decreto legislativo n.150 del 2009.

Con specifico riferimento poi ai procedimenti di cui alla lett. b) del comma 16 dell'art. 1, il successivo comma 32 dello stesso articolo precisa che «le stazioni appaltanti sono in ogni caso tenute a pubblicare nei propri siti web istituzionali: la struttura proponente; l'oggetto del bando; l'elenco degli operatori invitati a presentare offerte; l'aggiudicatario; l'importo di aggiudicazione; i tempi di completamento dell'opera, servizio o fornitura; l'importo delle somme liquidate.

Entro il 31 gennaio di ogni anno, tali informazioni, relativamente all'anno precedente, sono pubblicate in tabelle riassuntive rese liberamente scaricabili in un formato digitale standard aperto che consenta di analizzare e rielaborare, anche a fini statistici, i dati informatici. Le amministrazioni devono trasmettere in formato digitale tali informazioni all'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture che, a sua volta, pubblica dette informazioni nel proprio sito web in una sezione liberamente consultabile da tutti i cittadini, catalogate in base alla tipologia di stazione appaltante e per regione».

Inoltre, per quanto concerne l'efficacia dei controlli antimafia nelle attività imprenditoriali, la Legge 190/2012 istituisce presso ogni prefettura l'elenco dei fornitori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativo di infiltrazione mafiosa operanti nei medesimi settori. L'iscrizione nei citati elenchi, tenuti presso la prefettura della provincia in cui l'impresa ha sede, soddisfa i requisiti per l'informazione antimafia necessari per l'esercizio della relativa attività.

Posta elettronica Responsabile Anticorruzione - Dr.ssa Giuliana Grasso: responsabileanticorruzione@comune.squinzano.le.it